Matteo Santoni
photography

somewhere

Somewhere over the rainbow, skies are blue
And the dreams that you dare to dream,
Really do come true.


[ The Wizard of Oz ]

Alla fine siamo rimasti in due, a sfogliare questo progetto, io e Giovannino Perdigiorno.

- Sai, queste foto le intitolerei tutte somewhere (da qualche parte), perché sono incontri occasionali: mi attrae più la visione della storia…
- Io invece vorrei saperne di più. Perché stai creando queste immagini? Perché proprio queste? Qualcuno potrebbe essere interessato alle storie che racchiudono…
- Ma «l’enorme potere di rivelazione che ogni nostro sguardo può contenere» di cui diceva Ghirri, allora? Non serve a nulla?
- Dovresti ricostruire il mondo attorno alle foto. Coinvolgere più efficacemente chi le guarda...
- Ma l'osservatore non lo può fare da solo? Il fantastico pare quasi un territorio dimenticato, dove un tempo tutti raccontavano storie…
- ... tutti, però, adorano sentirsi raccontare delle storie…
- Facciamo così, guarda: “C'era una volta - il «bellissimo imperfetto» secondo Rodari - un fotografo che pensava si potesse ancora ritrarre il 'paesaggio italiano' giusto per il piacere di caricare i suoi apparecchi fotografici su quattro ruote e correre a fantasticare sul quotidiano...”
- Bum!
- Vabbè… Quindi che si fa?
- C'era una volta un Re seduto sul sofà che disse alla sua serva raccontami una storia...

(dedicata a Gianni Rodari)

asteroidi a Comacchio – a Comacchio al tramonto gli asteroidi sfiorano laguna arrembaggio a Rosignano – pirati a bordo di passeggini conquistano i Caraibi chimici a Bologna un aeroplano stanco si appoggiava ai grattacieli appena possibile a Paese un’automobile continua a sognare di essere un aeroplano i capelli della strega – a Montemassi dal suolo bruciato crescono capelli di strega l'ingresso che non c'è – ad Abano le ville hanno gli ingressi illustrati a Cerea ho visto due cherubini curiosi a guardia di una villa a Fiscaglia si possono ammirare i resti degli accampamenti dei giganti alla fine del bosco sulle rive del Po dicono ci sia una pentola di foglie d’oro le fate invisibili – a Garda ci sono le fate che non si fanno fotografare voci dicono che Mangiafuoco si sia ritirato in pensione a Piove di Sacco stradone della Marchesa – tutto va sempre bene, madama la Marchesa
© Matteo Massimo Santoni - All rights reserved - contact me